Vini e dolci

Una delle regole ferree dell’abbinamento cibo vino è che il dolce vuole sempre e solo un vino (fermo o bollicina) che sia dolce. Non azzardate brindisi a base di spumanti brut con vicino torte, tiramisù o lievitati di vario genere, perché state commettendo qualcosa che, dal punto di vista sensoriale, è assimilabile a un "reato", anche grave.
Qualsiasi dolce decidiate di mangiare, a casa o al ristorante, se volete abbinarci accanto qualcosa da sorseggiare, che sappia anche valorizzarlo, puntate sempre su vini passiti, moscati, liquorosi o bollicine dry, extra-dry o demi-sec. Queste le indicazioni base da seguire per non sbagliare, fare bella figura con gli altri, ma soprattutto per far godere appieno il vostro palato e non uccidere il sapore del dessert che avete nel piatto.
Premesso ciò, addentriamoci nel mondo dei vini dolci e dei dolci a cui abbinarli, nella speranza di offrirvi qualche buon consiglio per le vostre cene o per le vostre carte al ristorante, e - perché no - anche in pizzeria.
Quando dobbiamo abbinare un vino a un dolce, il consiglio è quello di andare per analogia o per contrasto di ingredienti grassi e sapidi come formaggi erborinati, formaggi stagionati e foie gras. In linea generale bisogna assicurarsi che l’alcolicità e la persistenza aromatica del vino dolce siano accordate con la struttura del dolce in abbinamento. Inoltre, per un abbinamento vincente, la dolcezza del piatto da abbinare non deve essere superiore a quella del vino, mentre la dolcezza del vino può essere pari o (leggermente) superiore a quella del dolce.
Un vino dolce può essere sia fermo che passito, spumantizzato o fortificato. I vini dolci naturali, così come gli spumanti dolci, derivano da uve di vitigni aromatici come il moscato, lavorati con il metodo charmat nel caso delle bollicine; i passiti si producono per appassimento delle uve (surmaturazione o vendemmia tardiva) sulla pianta o sui graticci; mentre vini fortificati si ottengono con l’aggiunta di alcol al mosto e lunghe maturazioni. A questi si aggiunge la categoria dei vini muffati, simili ai passiti, ma con un procedimento produttivo molto delicato e difficile. Questi, unici nel loro genere, derivano dall’azione della Botrytis Cinerea che si comporta come muffa nobile, ovvero si deposita sulla buccia dell’uva, la perforano per nutrirsi facendo evaporare l’acqua e ottenendo così una concentrazione di zuccheri. La muffa nobile aggiunge inoltre i suoi sapori e i suoi aromi aumentando il bouquet olfattivo del vino.
Unknown-4.jpeg

Quando un vino si dice dolce

La dolcezza di un vino è determinata dalla presenza di zuccheri residui (cioè non fermentati) al momento dell’imbottigliamento e sono proprio gli zuccheri nel vino che danno quella sensazione di corpo, densità e morbidezza, che gradualmente, all’aumentare della quantità, diventa vera e propria dolcezza. Da un punto di vista tecnico, un vino secco contiene circa fino ad un massimo di 4-5 g/l di zuccheri residui, tra i 12 e 45 g/l il vino ha tendenza dolce marcata e si definisce “amabile”, mentre il vino definito dolce avrà un contenuto zuccherino sopra i 45 g/l. Cosa molto importante è che la sensazione organolettica della dolcezza, affinché un vino risulti armonico, deve essere bilanciata dalla sua acidità, per non risultare stucchevole e trovare equilibrio.

L’abbinamento vino – dessert

Tiramisù, panna cotta, crema catalana, tortino al cioccolato: questi sono alcuni dei dessert più comuni e diffusi che si possono trovare nei menu quando siamo a cena fuori. Insieme a questi possiamo anche trovare della piccola pasticceria, dei dolci tradizionali (come le ciambelline al vino, cantucci, pasta di mandorla), mousse al cioccolato o delle crostate, senza dimenticare i dolci creativi di alcuni ristoranti gourmet: ognuno di questi dolci ha il suo vino.
Iniziamo proprio dagli spumanti, simbolo della festa e dei brindisi benauguranti. Gli spumanti dolci sono ideali con dolci a pasta lievitata, come pandori e panettoni, che in questo mese di gennaio saranno sicuramente riciclati in diverse forme; si sposano altrettanto bene con la pasta sfoglia e le torte classiche, ricche di panna, crema pasticcera o crema al burro, grazie all’azione “sgrassante” delle bollicine. Esempi vincenti sono il Moscato Spumante, l’Asti Docg e il Brachetto.
Se optiamo per dolci al cucchiaio, torte leg- gere e più delicate, magari con frutta fresca, l’abbinamento potrebbe richiamare subito i vini dolci fermi o leggermente frizzanti, come lo stesso Moscato in versione ferma, il Picolit, l’Aleatico dell’Elba o il Primitivo di Manduria Dop che è un vino naturalmente dolce.
La pasticceria secca - come crostate, cantucci e biscotteria di vario tipo - trova accordo perfetto con i vini passiti e da vendemmia tardiva. Un abbinamento che segue il concetto di concordanza anche nella consistenza al palato. In questo caso, abbiamo un dolce pastoso, friabile ma ricco di burro o frutta secca che va a braccetto con la densità e la dolcezza rotonda del passito. Con questo tipo di vini si può provare - e noi lo consigliamo vivamente - un fantastico abbinamento con i formaggi erborinati e stagionati, anche da inserire nelle carte dei dessert, come molto più spesso troviamo. In questo caso si gioca con i contrasti, il dolce del vino si oppone al grasso e alle note acide e piccanti del formaggio, trovando equilibrio. Il Passito di Pantelleria è il primo esempio immediato e con lui tutta la categoria dei passiti; tra questi c’è anche il Mantonico passito in Calabria e il Sagrantino in Umbria. Citiamo ovviamente lo zibibbo, il Cannellino nel Lazio, il Vin Santo e il Recioto della Valpolicella.
Oltre ai passiti ci sono poi i vini dolci prodotti con uve attaccate dalla Botrytis Cinerea, i muffati prima citati, come ad esempio il celebre Sauternes, il Barsac e il Mombazillac in Francia, i Muffati Orvietani in Italia, le Sélection de Grains Nobles in Alsazia, il Tokaji Aszú in Ungheria. 
Lo stesso discorso vale per i vini dolci liquorosi, che vanno abbinati per affinità a dessert molto intensi e strutturati, specie quelli a base di cioccolato, che hanno proprio bisogno di vini come il Marsala, il Porto, o il Madeira. Stesso discorso vale per i bon bon o cioccolatini a base di cioccolato, specie se fondente. 
Se poi vogliamo azzardare qualche accoppiata sopra le righe, al momento del dessert potrebbero funzionare dei vini macerati, quei vini bianchi con invecchiamento più o meno lungo in botte, dall’acidità debole e quindi con un corpo più morbido e un bouquet aromatico che ricorda le spezie dolci come la vaniglia o la cannella, il miele, il caramello e la frutta candita.
image006.jpg

Pizza (dolce) e Vino (dolce)

Esiste poi anche questo abbinamento, che se indovinato diventa da fuoriclasse. Negli ultimi tempi, infatti, c’è la tendenza nelle pizzerie di sostituire i vari dessert o una parte di questi con la pizza in versione “sweet” e con dei lievitati come maritozzi o cornetti sfogliati, piuttosto che le bombe di pasta fritta farcite con della crema. Una doverosa precisazione da fare è che quando si parla di pizza dolce non intendiamo la pizza con la Nutella, proposta molto anni ’90, che per fortuna sta lasciando spazio a pizze farcite dalla creatività zuccherina di chef e pizzaioli. In questo caso ci troviamo di fronte a un disco di pasta sottile, alto e soffice, doppio, con creme a base di ricotta, mascarpone o caprini, vegetali sciroppati, frutta fresca o cotta, cacao, canditi, agrumi. Insomma, le diverse materie prime si declinano in versione dolce, seguendo l’estro, cercando degli equilibri tra toni dolci e acidi, tra consistenze cremose e croccanti. E di fronte ad un lavoro gastronomico del genere non possiamo sbagliare, o sarebbe meglio dire che il pizzaiolo o il sommelier della pizzeria non può sbagliare, ma deve cercare di trovare una proposta adatta a quello che troviamo sulla sua proposta di pizza dessert (un po’ come si fa nell’abbinamento cibo-vino). Un consiglio a tavola che sarà sicuramente apprezzato dal commensale e che dovrebbe e potrebbe diventare una tendenza o linea di pensiero condivisa.
Unknown-3.jpeg

Un po’ di storia

Per chi non lo sapesse, il vino in antichità era dolce. I gusti dell'epoca richiedevano un nettare denso e dolciastro, anche annacquato e le uve spesso venivano fatte appassire per garantirne la conservazione. Tra i vini dolci della storia millenaria, c'è sicuramente il passito, proprio quello che si produce a Pantelleria, eredità di civiltà come Fenici, Greci, Etruschi e Romani. Reperti archeologici e letterari ante Cristo testimoniano, infatti, gli scambi commerciali di questo vino dolce, ottenuto da uve sovramature in pianta o appassite al sole, tecnica che accresceva il tenore zuccherino permettendo una maggiore stabilità e conservazione. Ma Pantelleria, "la Perla Nera del Mediterraneo", isola simbolo del passoto e delle sue viticolture eroiche, non è l'unico luogo dove si produce il passito o il vino da dessert in genere, che a quanto sembra rappresenta uno dei fiori all'occhiello del vino Made in Italy. In Italia, infatti, i vini dolci hanno una lunghissima tradizione, e negli ultimi decenni c'è stato anche un vero salto qualitatico nella produzione. Da nord a sud, ogni regione ha il suo vino dolce, prodotto proprio con la tecnica dell'appassimento o da vendemmia tardiva. Vini da sempre pensati in abbinamento con i dolci tipici regionali o in generale della tradizione italiana.

Ad ogni regione il suo vino dolce

Se in Sicilia il passito risponde al nome di Zibibbo, Malvasia o Moscato, in altre regioni altri vitigni tipici si prestano a questo tipo di lavorazione; in alcuni casi si tratta di vera tradizione, in altri nuove vinificazioni per diversificare i soliti prodotti. Ovviamente le uve utilizzate sono generalmente quelle aromatiche come l’Aleatico o il Traminer, ma possiamo trovare anche quelle provenienti da vitigni poco canonici ma che si prestano bene per questo tipo di prodotto. Sono circa 110 i vini passiti in Italia censiti da Veronelli che sostiene: “oltre che nel diversificarli, noi italiani siamo bravissimi a produrli, probabilmente i migliori del mondo”. Qui di seguito vi riportiamo una lista puntuale dei vini dolci simbolo di ogni regione, che ogni ristorante, trattoria e pizzeria dovrebbe avere in carta a secondo tenendo in considerazione il territorio di appartenenza e le tipicità del luogo e poi il proprio menu.
 
• Piemonte: Moscato d’Asti
• Valle d’Aosta: Chambave Moscato Doc
• Liguria: Sciacchetrà
• Lombardia: Sangue di Giuda
• Veneto: Recioto della Valpolicella, Recioto di Soave
• Trentino-Alto Adige: Vin Santo, Gewurztraminer passito
• Friuli Venezia Giulia: Picolit
• Emilia Romagna: Albana Passito
• Toscana: Vin Santo, Aleatico dell’Elba
• Umbria: Montefalco Sagrantino Passito, Muffato Umbria Passito • Lazio: Cannellino
• Abruzzo: Passito di Montepulciano
• Molise: Moscato Giallo del Molise
• Campania: Fiano Passito, Falanghina Passito
• Puglia: Moscato di Trani, Primitivo dolce
• Calabria: Moscato di Sarace- na, Mantonico Passito
• Sicilia: Marsala, Passito di Pantelleria.
• Sardegna: Vernaccia di Ori- stano, Moscato di Sardegna
Unknown-3.jpeg
autore.jpg

di Giusy Ferraina

Sotto il segno del pomodoro: storie di pizza e di sfide golose

Alla fine, l’ho fatto: ho intervistato Gemini, l’AI di Google. Perché, anche se vi...

I “fuori cottura”

Sono l’incubo dei pizzaioli, il cruccio dei proprietari, il simbolo della pizza...

L’agriturismo del futuro

Da tempo diffusi in tutta Italia, gli agriturismi hanno iniziato la loro storia in...

Crisi del personale: è possibile uscirne?

Il mondo cambia e cambia molto velocemente. Basta parlare con le persone anziane....

Per farla romana, ci vuole il mattarello

Provate a digitare su Google “pizza stesa con il mattarello”, tra i primi risultati...