PIZZA E PASTA ITALIANA

Since 1989

PIZZA E PASTA ITALIANA

Since 1989

Mensile di Pizza, Pasta, Enogastronomia e Cultura

Pizza e Pasta italiana

The magazine born in 1989 is most renown worldwide by professionals and more in general by the food service industry. More than 25 years of specialized publishing business for professionals. Browse through the online magazine – we keep the world’s professionals up-to-date and in touch: trends, products and technology news, in depth studies and surveys and special issues.

Editoriale del mese

Il coronavirus ha creato a molti operatori del settore ristorativo enormi problemi per la prolungata chiusura dei locali e per le difficoltà che incontra il lento ritorno alla normalità. Non tutti, soprattutto ristoranti, potranno riaprire, neppure se stellati – e qualcuno ha già chiuso – e il promesso intervento dello Stato per aiutare a superare questo difficile momento non sempre o non ancora è arrivato e, comunque, è spesso insufficiente.
 
Il futuro resta per molti problematico, eppure le soluzioni ci sarebbero. La prima sta nella decisa determinazione di ristoratori, titolari di pizzerie, cuochi e pizzaioli di presentarsi al meglio sulla piazza, mantenendo costanti i prezzi, senza gravare sui clienti la riduzione dei posti, perché la situazione attuale non durerà per sempre e, appena ci saranno i vaccini, tornerà la normalità. Da soli si può anche resistere, ma ci vuole dell’altro, a cominciare – oltre che dal sostegno dello Stato anche sotto il profilo fiscale da un deciso rilancio del turismo che è ormai la prima voce del PIL – Prodotto Interno Lordo – italiano, come dire che esso rappresenta l’entrata maggiore per lo Stato e un formidabile aiuto a molte attività ristorative. Il ritorno a un turismo normale, com’era, ad esempio, lo scorso anno, significa, se lo Stato è deciso a sostenere adeguatamente il settore, con la conseguenza che gli stranieri torneranno in tutta Italia, lungo le coste, in montagna, ai laghi, nelle città d’arte piccole e grandi, contribuendo in modo forte anche alla normalizzazione delle attività ristorative.

Ma ci vuole anche l’impegno delle Regioni e dei Comuni per rendere ancora più appetibile il rispettivo territorio. Garantire la sicurezza dei turisti, curare l’arredo urbano e la cartellonistica stradale, abbellire i paesi e le aree turistiche aiutando, quando serve, anche i privati, assicurare strade efficienti e senza buche – vedasi il caso Roma –, sostenere le attività del tempo libero, sono solo alcuni aspetti che molti comuni seguono con encomiabile impegno, ed è auspicabile che ciò avvenga in tutta la penisola, specie al Sud, dove già ci sono straordinarie attrattive paesistiche, archeologiche, storiche, artistiche e culturali per i turisti, tutti valori che meritano di essere esaltati.
 
Questa rivista, grazie anche ai contatti intercorsi in questo periodo con numerosi operatori, in particolare ristoratori e pizzaioli, guarda con fiducia al futuro, nella certezza che l’unione delle forze le istituzioni e gli operatori privati consentirà di ammodernare e rendere più attrattive anche le attività ristorative, nel rispetto della sicurezza per tutti, mostrando ancora una volta l’alta civiltà del nostro Paese e la solida professionalità quanti operano nel vasto e complesso mondo ristorativo italiano.
autore.jpg

di Giampiero Rorato

Magazine's Official App

The magazine's official app offers an advanced way of interacting with content by accessing ever-new multimedia content such as videos, galleries, data sheets and much more. Find out what the world is behind, or rather to the side of the magazine!