PIZZA E PASTA ITALIANA

Since 1989

PIZZA E PASTA ITALIANA

Since 1989

Mensile di Pizza, Pasta, Enogastronomia e Cultura

Pizza e Pasta italiana

The magazine born in 1989 is most renown worldwide by professionals and more in general by the food service industry. More than 25 years of specialized publishing business for professionals. Browse through the online magazine – we keep the world’s professionals up-to-date and in touch: trends, products and technology news, in depth studies and surveys and special issues.

Editoriale del Mese

Se dici pizza dici Napoli, certo. Ma anche Palermo, Siracusa, Bari, Reggio Calabria e Potenza… almeno per restare al sud. Perché la pizza è tutto: è storia di popoli e di comunità, innovazione ben riuscita e tradizione consolidata, pane dei poveri e cibo per gourmet. E di pizza si nutre (in senso letterale e metaforico) chi scrive e chi legge questa rivista, insieme a tante altre persone, ovviamente.

Ecco perché abbiamo deciso di dedicare questo numero (e i prossimi due) di Pizza e Pasta Italiana a una “triade” monotematica che possa condurci alla scoperta della pizza delle tre aree geografiche del Belpaese: nord, centro e sud. Nelle pagine che troverete in queste tre “monografie” di pizza, parleremo sempre di tecniche, prodotti, strumenti e storie ma lo faremo concentrandoci sulle grandi potenzialità e sulle specificità che questo prodotto ha in ciascuna parte del nostro Paese. Partiamo con le pagine che seguono – come si conviene – dal sud e, ovviamente, da Napoli perché così vuole la storia. E la storia non si inventa. A dire il vero, da almeno vent’anni, sono in molti quelli che, pur di accaparrarsi un po’ di notorietà, provano a cambiarla, attingendo a piene mani da fonti tutt’altro che autorevoli. Ho una formazione umanistica e mi consentirete una digressione: gli storici veri basano le proprie ricerche su quelle che si chiamano “fonti primarie”, ossia documenti d’archivio, che vengono confrontati – per essere certi che non si tratti di falsi – con testi letterari e altre fonti d’archivio di anni vicini. A supporto di quelle fonti, vi sono poi le interviste ai “testimoni”, ovvero a coloro che custodiscono la tradizione orale più recente (verosimilmente l’ultimo secolo) attraverso un metodo d’indagine che è proprio della ricerca demoetnoantropologica. Questo è il metodo. Il resto è fuffa, buona solo per titoloni, atti ad attrarre chi non si capacita di un passato già scritto, avendo paura delle infinite pagine bianche a disposizione per costruire il futuro. E invece non dobbiamo dimenticare che è proprio chi non ha paura di costruire il futuro che riesce a salire “sulle spalle dei giganti”, per usare un’espressione cara a Isaac Newton.
 
Altrettanto vero è che non dobbiamo (e non vogliamo) essere vittime della tradizione, ed è per questo che anche parlando di quel sud da cui molto è partito, qui troverete tante belle storie di innovazione, al punto che se dovessi dare un nome a questo numero lo chiamerei: Rigenerazione. Che è anche il titolo dell’evento più importante che questo mese vi invitiamo a vivere: in presenza, gratuito e ricchissimo di spunti. Si chiama Terra Madre e si svolge a Torino. Ci vediamo lì?

Un caro saluto di buon settembre,
nio
autore.jpg

di Antonio Puzzi

Magazine's Official App

The magazine's official app offers an advanced way of interacting with content by accessing ever-new multimedia content such as videos, galleries, data sheets and much more. Find out what the world is behind, or rather to the side of the magazine!