PIZZA E PASTA ITALIANA

Dal 1989

PIZZA E PASTA ITALIANA

Dal 1989

Mensile di Pizza, Pasta, Enogastronomia e Cultura

Pizza e Pasta italiana

La rivista nata nel 1989, è la più conosciuta al mondo nel settore specifico e più generalmente nel settore Ristorazione con pizza e Ristorazione classica. Oltre 25 anni di editoria specializzata per operatori del settore. Sfoglia la rivista online: tutto quello che succede nel mondo pizza, e non solo, viene riportato con precisi reportage, rubriche e redazionali.

Editoriale del Mese

A Carnevale ogni scherzo vale. E così anche noi, per questo numero, abbiamo deciso di sovvertire le nostre tradizionali vesti, travestendoci da rivista che si occupa a tutto tondo di ristorazione, mettendo 
per un mese in secondo piano la nostra amata pizza che da oltre trent’anni ci accompagna nella nostra azione quotidiana e nell’attività di divulgazione che compiamo in queste pagine.

Perché lo abbiamo fatto? Per smascherare la finta convinzione che chi si occupa di pizza non si possa occupare di altro, a meno che l’individuo in questione non abbia un illustro palmares affinatosi nella visita a numerosi ristoranti gourmet. Lo stile con il quale affrontiamo questo numero è dunque il nostro stile: attento ai fatti, ai numeri, ai trend ma con un pizzico di brio in più perché - si sa - non bisogna mai prendersi troppo sul serio. E poiché Carnevale è tempo della carne (oltre che dello scherzo), una buona parte di queste pagine “speciali” saranno dedicate proprio a uno dei cibi più discussi dell’ultimo decennio, ovvero quello “non-veg”, per dirlo con sarcasmo. Volendo però assecondare la salomonica legge della “par condicio” abbiamo ritenuto opportuno anche dedicarci alle pizzerie vegane e di contro a quella sezione di industria enogastronomica che crea prodotti destinati a vegetariani e vegani partendo da ciò che proprio quelle persone intendono abolire dalla propria alimentazione, ovvero i prodotti carnei e i loro derivati. Non so a voi ma a me ha sempre dato l’impressione del masochismo; per dirla con Roberto Benigni: “è come entrare in casa dell’impiccato e salutare facendo il segno della corda”. Spero vogliate concedermi il lusso di questa ironia senza giudicarla ma sforzandovi nell’intendere quanto sento in cuor mio di dirvi: il mondo (della ristorazione, e non solo) è bello perché è vario ed in questa sua multiforme fioritura salva la biodiversità a tutto tondo.

Chiudo queste righe di apertura del secondo numero del 2023 tenendo fede a quanto promesso nella rivista di gennaio: un augurio al mese. La parola che vi auguro questo mese è: rispetto. Per voi stessi, per il vostro lavoro, per la vostra vita personale, per i vostri collaboratori e dipendenti. Rispetto, sinonimo di fair play.

Buona lettura,
nio
autore.jpg

di Antonio Puzzi

App Ufficiale della Rivista

La app ufficiale della rivista propone un modo evoluto di interagire con i contenuti accedendo a contenuti multimediali sempre nuovi come video, gallery, schede tecniche e molto altro ancora. Scoprite che mondo sta dietro, o meglio, a lato della rivista!