PIZZA E PASTA ITALIANA

Dal 1989

PIZZA E PASTA ITALIANA

Dal 1989

Mensile di Pizza, Pasta, Enogastronomia e Cultura

Pizza e Pasta italiana

La rivista nata nel 1989, è la più conosciuta al mondo nel settore specifico e più generalmente nel settore Ristorazione con pizza e Ristorazione classica. Oltre 25 anni di editoria specializzata per operatori del settore. Sfoglia la rivista online: tutto quello che succede nel mondo pizza, e non solo, viene riportato con precisi reportage, rubriche e redazionali.

Editoriale del mese

Il mondo dell’ospitalità e della ristorazione, che si esprime da oltre tre decenni anche attraverso questa rivista, non guarda solo all’interno delle proprie aziende, perché sa che l’andamento e lo sviluppo della propria attività dipendono, oltre che dal personale impegno di chi vi lavora, anche e in buona parte da fattori esterni e, in particolare, dal tipo di economia che si intende realizzare.
 
Il PIL, cioè il Prodotto Interno Lordo di un Paese, è un parametro considerato ormai sorpassato, anche se ancora molto considerato e celebrato, perché incide di più sull’aspetto economico e finanziario globale, sull’arricchimento di un Paese, che sul benessere e la felicità della gente. E chi opera nel mondo della ristorazione se ne accorge ancor prima degli altri. Non c’è dubbio che lo “sviluppo” dell’economia è alla base del benessere generale, e non in modo uguale per tutti e da un po’ di tempo si è aggiunta un’altra parolina non ancora sufficientemente entrata nel nostro DNA, e cioè “sostenibilità”, che significa rispettare l’ambiente in cui viviamo e, più in generale, il pianeta, senza depauperarlo semmai arricchendolo e sviluppando le sue potenzialità. Si va verso la “green economy”, vero un mondo sempre più “verde”, cioè “più pulito”, nel quale si deve operare per conservare i ghiacciai, conservare l’acqua, eliminare le fonti di energia minerali, a cominciare dal carbone e dal petrolio, inquinare sempre meno l’atmosfera, in definitiva conservare e rispettare la natura come il buon Dio ce l’ha data in usufrutto, perché arrivi possibilmente migliore alle prossime generazioni.

Ma ancora non basta. Chi entra in un ristorante, in una pizzeria, in un agriturismo e simili per lo più non va solo perché ha fame, ma per “godere” un pranzo o una serata con la famiglia o con gli amici, per trascorrere un paio d’ore in serenità, in sostanza per star bene e questo vale (dovrebbe valere) anche il pranzo e la cena a casa. Per parametro viene oggi definita la parola “sussidiarietà”, vale a dire un risultato da raggiungere mediante gli altri due parametri, cioè per mezzo dello “sviluppo sostenibile”, convinti che una vita senza felicità sarebbe la condanna peggiore che può capitarci.

Questa rivista sta percorrendo questa strada, sostenendo la necessità di una nuova cultura riguardante il rapporto con l’ambiente e la terra, che deve essere rispettoso molto più di quanto il mondo sviluppato ha fatto negli ultimi due secoli, non per impoverirci, ma per garantire il futuro a noi e a figli e nipoti e i prodotti della terra devono servire a ottenere cibi sani, nutrienti e buoni, capaci di regalarci una vita più bella e felice. Per tutti, anche per chi fin qui è vissuto ai margini della civiltà e del benessere. 
autore.jpg

di Giampiero Rorato

App Ufficiale della Rivista

La app ufficiale della rivista propone un modo evoluto di interagire con i contenuti accedendo a contenuti multimediali sempre nuovi come video, gallery, schede tecniche e molto altro ancora. Scoprite che mondo sta dietro, o meglio, a lato della rivista!