Lettera dell'Editore

Si sente molto parlare, in questo particolare 2020, di resilienza. La capacità di adattarsi superando indenni le avversità. La categoria nel suo insieme sta affrontando una delle più importanti sfide della nostra era. Ci troviamo infatti in prima fila, vivendo per primi le limitazio-ni alle nostre attività economiche, non come vittime passive, ma come attori di un momento di accrescimento delle nostre capacità. Siamo umani e proprio questo essere umani ci permette di affrontare con successo difficoltà e stress, e su questo ci sentiamo uniti.

Con la vostra forza interiore so per certo che ognuno di voi ha elaborato, nella sosta forzata della propria attività, la propria strategia accrescendo la professionalità pronti a ripartire con una carica sconosciuta prima. Vorrei esservi vicino ed accompagnarvi al successo in questa strada che porterà ad avere una ristorazione ancora più ricca di contenuti, più attenta ai servizi ed ai bisogni personali dei vostri clienti.

In conclusione, vorrei fossimo pronti insieme a voi a cogliere con ottimismo questa nuova sfida, che ci farà rinascere più forti e consapevoli. I clienti da mesi ormai stanno aspettando la convivialità di una cena con gli amici o di una buona pizza; da mesi la state preparando. Con la certezza che il momento difficile si stia superando proprio con il sostegno della vostra e nostra passione, vi saluto cordialmente.

Il Direttore Editoriale
autore.jpg

Massimo Puggina

Enrico Crippa, uno chef che onora la cucina italiana

Salito ormai da tempo e meritatamente nell’Olimpo della gastronomia italiana e...

Davide Fiorentini, 'O fiore mio, l’Italia in una pizza

A DAVIDE FIORENTINI CHIEDIAMO COM'È ARRIVATO AD ESSERE PROTAGONISTA NEL MONDO DELLA...

Si torna in tavola

Una delle immagini che porterò dentro di questi giorni è quella di Napoli, la mia...

Pizza Twister

“Siamo un vero laboratorio della pizza nel cuore di Pordenone. Impastiamo la pizza...

Michele Croccia, il pizzaiolo contadino.

Pizzaiolo Contadino è l’appellativo di Michele Croccia, chiamato così non solo perché...