Disciplinare Verace Pizza Napoletana: cosa cambia

Il disciplinare internazionale dell’Associazione Verace Pizza Napoletana è stato di recente aggiornato con alcune novità. Ovviamente la vera pizza napoletana rimane tale, gli ingredienti  sono rigorosamente Made in italy, ma le novità riguardano le farine, i processi di maturazione e il lievito, sempre nel rispetto della tradizione ma con un occhio di riguardo verso le esigenze dei nuovi consumatori.

Le novità

Nella farina viene inclusa oltre alla 00 anche la tipo 0 e una percentuale di tipo 1 che varia dal 5 al 20%. La farina deve avere sempre un W compreso tra 250 e 310 e un rapporto P/L intorno allo 0,5 – 0,7  ideale 0,6). Per quanto riguarda l’utilizzo del lievito viene concesso, oltre a quello compresso di birra fresco, anche quello secco, sempre di birra, purchè privo di additivi, zuccheri o miglioratori alimentari aggiunti e il lievito madre. Infine l’indicazione forse più importante è sulla lievitazione che può superare le canoniche 6 – 8 ore, fino ad un massimo di 24 – , per permettere una migliore digeribilità dell’impasto.

E le conferme

Il disciplinare aggiornato conferma la preparazione dell’impasto con metodo diretto, l’assenza di miglioratori o additivi nell’impasto e la cottura della pizza su forno a legna, anche se già da qualche tempo, previo accertamento dell’AVPN ( Associazione Verace Pizza Napoletana), sono concessi forni con alimentazione gas/legna.
«Siamo partiti naturalmente dai dogmi irrinunciabili e immodificabili nella tecnica napoletana, quali l’impasto, che deve essere diretto, cioè con tutti i quattro gli ingredienti messi insieme, partendo dall’acqua, e deve essere lasciato a fermentare e maturare per il tempo necessario per assecondare in modo ottimale temperatura, umidità e tempo di utilizzo dell’impasto stesso» spiega Massimo Di Porzio, vicepresidente dell’associazione.
«La manualità nella preparazione della pizza, ovvero la centralità del lavoro artigianale, quindi con le mani e i palmi, che sono un’antica unità di misura borbonica; la cottura, perfetta con il forno a legna, poiché rispetta contemporaneamente sia la tradizione sia le specifiche tecniche, garantendo le tre modalità di propagazione del calore. Da tutto ciò è scaturito un update importante, che ha tenuto conto di diversi fattori, tra cui chiaramente le abitudini e le esigenze dei consumatori contemporanei».
autore.jpg

La Redazione

Sotto il segno del pomodoro: storie di pizza e di sfide golose

Alla fine, l’ho fatto: ho intervistato Gemini, l’AI di Google. Perché, anche se vi...

I “fuori cottura”

Sono l’incubo dei pizzaioli, il cruccio dei proprietari, il simbolo della pizza...

L’agriturismo del futuro

Da tempo diffusi in tutta Italia, gli agriturismi hanno iniziato la loro storia in...

Crisi del personale: è possibile uscirne?

Il mondo cambia e cambia molto velocemente. Basta parlare con le persone anziane....

Per farla romana, ci vuole il mattarello

Provate a digitare su Google “pizza stesa con il mattarello”, tra i primi risultati...