La Fucina della Pizza, La parola alle eccellenze Italiane

Slow Food e Pizza e Pasta Italiana animeranno una tre giorni di seminari dedicati ai professionisti. I temi? Farina, olio, mozzarella e farciture.

Non solo competizioni al Campionato Mondiale della Pizza: dopo the Italian Pizza World Forum del 2017, Summit Internazionale cui avevano aderito importanti catene di pizzerie nazionali ed internazionali ed Incontri e Confronti del 2018 seminari organizzati da Scuola Italiana Pizzaioli, quest’anno largo alla Fucina della Pizza. Presentata ed organizzata da Slow Food e Pizza e Pasta Italiana, è un’area dedicata ai seminari, con un programma didattico rivolto ai protagonisti dell’evento, i pizzaioli e a tutti gli operatori professionali del comparto pizza.
Slow Food è una grande associazione internazionale no profit impegnata a ridare il giusto valore al cibo, nel rispetto di chi produce, in armonia con ambiente ed ecosistemi, grazie ai saperi di cui sono custodi territori e tradizioni locali. Fondata nel 1989 da Carlo Petrini, la chiocciola di Slow food è un marchio a tutela del buon cibo, della biodiversità e delle produzioni che molto spesso rischiano di scomparire e vanno valorizzate e riconosciute.
Interna1.jpg
Nell’ambito della “Fucina della Pizza” Slow Food curerà due laboratori al giorno, raccontando gli ingredienti della pizza 360°. Spazio dunque all’approfondimento degli ingredienti che costituiscono il piatto più amato al mondo, invitando gli spettatori a conoscerne gli ingredienti e la qualità delle materie prime che la compongono: farina, lievito, farciture – pomodoro, ortaggi e salumi – olio extravergine di oliva, mozzarella fiordilatte, Bufala campana DOP, formaggio filato da pizza e ovviamente gli abbinamenti vino – pizza e birra e pizza.
La finalità della “Fucina della Pizza” è quella di diffondere una cultura del cibo e degli ingredienti che va ben oltre al semplice valore strumentale del prodotto: si parlerà infatti di come valorizzare ciascun alimento per padroneggiarne al meglio le caratteristiche e le qualità i laboratori saranno condotti da Antonio Puzzi, curatore del libro Pizza una grande tradizione italiana di Slow Food Editore, Gastronomo e Docente del corso Pizza Culture dell'Università di Scienze Gastronomiche e Slow Food Educazione.
Spazio poi ad un’eccellenza del territorio emiliano – ma di cui tutta l’Italia è orgogliosa – il formaggio Parmigiano Reggiano. Simone Ficarelli, Marketing e Comunicazione del Consorzio del Formaggio Parmigiano Reggiano guiderà il pubblico a conoscere il Mondo Parmigiano Reggiano, partendo dalle sue origini, raccontando il territorio e biodiversità, le caratteristiche nutrizionali e concludendo con una degustazione guidata a varie stagionature di Parmigiano Reggiano.
Come le Attrezzature per pizzeria aiutano ad ottenere gli obiettivi di qualità del prodotto pizza e l’evoluzione nel mondo del Marketing Digitale per la ristorazione completano la tre giorni di seminari.
autore.jpg

di Cristina Mandolin

Cicorie, puntarelle ed erbe invernali

Vanta origini millenarie, al punto da già essere nota agli Egizi che ne usavano il...

Pecorino Romano e Pecorino Sardo: identità e caratteristiche

Sono due tra le eccellenze casearie più antiche al mondo, simbolo della tradizione...

Roma, città della pizza

«Un giorno, un industriale Napoletano ebbe un’idea. Sapendo che la pizza è una delle...

WAICO, White Art Italian Companies, amplia la propria offerta prodotti con i forni...

Waico, White Art Italian Companies, è il gruppo nato a inizio 2022 con l’obiettivo di...

Pizza, viaggio al Centro d'Italia

Pizze e focacce, bianche, rosse, farcite, cotte a legna dal fornaio o in pizzeria, in...