Francesco Arnesano, Lievito Pizza Pane, Roma

Francesco Arnesano è un esponente della nuova generazione di pizzaioli italiani: giovane, entusiasta e preparato. La sua pizzeria “Lievito Pizza Pane” si trova a Roma, in Viale Europa, e rappresenta in maniera compiuta la passione di Francesco per i lievitati e per le ricerca minuziosa delle migliori materie prime.
“Sono Francesco Arnesano, classe 1995. Sono un autodidatta: mi sono affacciato in questo mondo all'età di 14 anni, studiando sui libri di Gabriele Bonci con cui ho un rapporto d'amicizia che va oltre il campo lavorativo e che ritengo un maestro assoluto.”
 
Come accennavamo all’inizio Arnesano ha una filosofia sui lievitati ben precisa, che, applicata sul campo, fa si che i suoi prodotti siano subito identificabili. 
“Propongo una pizza ad alta idratazione e lunga maturazione realizzata con farine biologiche macinate a pietra e utilizzando il lievito naturale, una pizza con una base soffice croccante e alveolata al punto giusto. La pizza che vi propongo è il mio cavallo di battaglia: sashimi di ventresca di tonno, stracciatella e fiori eduli. I topping che propongo li realizzo secondo la stagionalità che la natura ci offre rispettando il tempo, i colori e le stagioni, lavorando appunto materie prime di piccole realtà che lavorano in una maniera semplice, trasparente ed etica. Inoltre proponiamo 3 tipi di pane al giorno, sempre realizzati con lievito madre e farine biologiche macinate a pietra: grano duro, casereccio e pani speciali. Produciamo pane con tecnologia del freddo per permettere al prodotto finito di essere più leggero, più gustoso, più digeribile e più aromatico” 
 
La pizzeria al taglio di proprietà è aperta dalle 10.30 alle 22 e la clientela affezionata, costruita con costanza e caparbietà tramite una proposta nuova e curata, ha anche la possibilità di acquistare il panettone, fatto sempre nello stesso laboratorio.
“Propongo il panettone da quando ho aperto il locale circa 4 anni fa e ho intrapreso questa scelta perché secondo me la realizzazione di questo prodotto è la più complessa nel mondo della panificazione: richiede molto tempo, una sensibilità estrema e un'attenzione non indifferente. E devo dire anche che lo propongo perché è un prodotto che ti “tiene vivo”. Per realizzarlo, avendo il locale che è molto piccolo, dividiamo la produzione in 3 tempi differenti della giornata. La notte si rinfrescano i lieviti e si panifica, si fa la pizza e in ultimo si impasta il panettone (il mio è il Tre Cioccolati).” 
 
autore.jpg

di C.O.

Sotto il segno del pomodoro: storie di pizza e di sfide golose

Alla fine, l’ho fatto: ho intervistato Gemini, l’AI di Google. Perché, anche se vi...

I “fuori cottura”

Sono l’incubo dei pizzaioli, il cruccio dei proprietari, il simbolo della pizza...

L’agriturismo del futuro

Da tempo diffusi in tutta Italia, gli agriturismi hanno iniziato la loro storia in...

Crisi del personale: è possibile uscirne?

Il mondo cambia e cambia molto velocemente. Basta parlare con le persone anziane....

Per farla romana, ci vuole il mattarello

Provate a digitare su Google “pizza stesa con il mattarello”, tra i primi risultati...