PIZZA E PASTA ITALIANA

Dal 1989

CAMPIONATO MONDIALE DELLA PIZZA

Classifiche

PIZZA E PASTA ITALIANA

Dal 1989

CAMPIONATO MONDIALE DELLA PIZZA

Visita la manifestazione

Mensile di Pizza, Pasta, Enogastronomia e Cultura

Pizza e Pasta italiana

La rivista nata nel 1989, è la più conosciuta al mondo nel settore specifico e più generalmente nel settore Ristorazione con pizza e Ristorazione classica. Oltre 25 anni di editoria specializzata per operatori del settore. Sfoglia la rivista online: tutto quello che succede nel mondo pizza, e non solo, viene riportato con precisi reportage, rubriche e redazionali.

Editoriale del mese

Il mondo della pizza non è mai stato rinchiuso in sé stesso, soprattutto da quando, sul finire dell’Ottocento, da Napoli ha iniziato a viaggiare verse le tante terre dell’emigrazione campana
e italiana, dapprima Stati Uniti d’America e Brasile, poi Argentina, Venezuela, Canada, quindi Francia, Germania, Inghilterra, Australia ed altri Paesi ancora.
Attualmente la pizza è “il piatto” più consumato ogni giorno nel mondo e, proprio per questo, è l’alimento più aperto e collegato non solo al resto della ristorazione, all’agricoltura, all’orticoltura, alla pastorizia, agli allevamenti e a molte industrie agroalimentari, ma alla vita stessa degli abitanti di ogni continente, anche a chi non l’ha ancora mai mangiata.
 
Per avere una buona pizza serve, a chi la fa, innanzi tutto una seria cultura professionale, sia per quanto riguarda la conoscenza degli ingredienti impiegati che per la conoscenza delle tecniche manuali necessarie a realizzarla. I pizzaioli professionisti sanno poi bene che non basta sapere e saper fare, occorre anche essere collegati alle realtà che producono gli ingredienti: i mulini, le industrie agroalimentari, i frantoi, gli ortolani, ecc. Oggi tantissimi clienti delle pizzerie conoscono la pizza e sanno valutarla e conoscono i grani e le farine, le conserve, le mozzarelle, le verdure sia fresche che conservate, i salumi, i prosciutti e tutto ciò che i pizzaioli impiegano per preparare le loro pizze, sia quelle tradizionali che quelle frutto della loro inventiva. Ebbene, proprio qui sta l’impegno professionale dei bravi pizzaioli: conoscere non solo le caratteristiche delle farine che impiegano, ma le varietà di frumento da cui derivano e così vale per l’olio extravergine d’oliva che deve essere vero olio extravergine, meglio se DOP (Denominazione di Origine Protetta), che ne garantisce la qualità, ben sapendo che in commercio sotto la denominazione di “olio extravergine d’oliva italiano” ci sono molte autentiche porcherie o prodotti di scarsa qualità. Lo stesso vale per gli altri prodotti impiegati nelle farce: l’attenzione non è mai troppa, occorre conoscere, valutare, confrontare, provare.

Una delle migliori occasioni offerte ai pizzaioli per entrare più in profondità nel meraviglioso mondo della pizza, per allargare il proprio orizzonte professionale, per conoscere, confrontare, valutare è offerta dal Campionato Mondiale dove s’incontrano pizzaioli e maestri pizzaioli d’ogni parte del mondo, dove si scambiano opinioni, si capiscono le tradizioni altrui, si chiedono consigli, si risolvono problemi. La pizza è certamente un mondo aperto e dai mille collegamenti e, proprio per questo, un mondo in continua evoluzione. Il Campionato Mondiale della Pizza è dunque l’occasione migliore offerta ai pizzaioli d’ogni parte del mondo per essere al passo coi tempi, anzi in posizione d’avanguardia in questo bellissimo settore della seria gastronoma.
autore.jpg

di Giampiero Rorato

App Ufficiale della Rivista

La app ufficiale della rivista propone un modo evoluto di interagire con i contenuti accedendo a contenuti multimediali sempre nuovi come video, gallery, schede tecniche e molto altro ancora. Scoprite che mondo sta dietro, o meglio, a lato della rivista!