Casa Vitiello a Tuoro, dove scelte alternative si coniugano con la tradizione

Ciccio Vitiello nasce a Caserta 25 anni fa, è uno dei pizzaioli più giovani e promettenti nel panorama italiano, impara a fare la pizza a soli 9 anni, quando guardando il lavoro del pizzaiolo rimane affascinato dal mestiere, che a 13 anni diventa per lui in mestiere a tutti gli effetti e di necessità si fa virtù, il padre di Ciccio viene a mancare ed allora occorre pensare al futuro non solo suo ma di tutta la famiglia.
Lui.jpg
Ciccio inizia a viaggiare e vedere le pizzerie in Italia, accumulando così esperienze su esperienze e appena diciottenne apre una piccola pizzeria al taglio, i clienti iniziano ad affezionarsi a lui. Più tardi nel 2014 va a Miami da un amico per aiutarlo nell’apertura di una pizzeria, nel 2015 torna a casa con tanta voglia di fare e creare un progetto che abbia come tema centrale la pizza ed il profondo legame che il cibo ha con il territorio.
Ciccio, pur rispettando la tradizione ama innovare, fare ricerca su impasti e farine, tant’è vero che partecipa lui direttamente alla selezione e miscelazione dei grani per la composizione delle farine del molino di riferimento e poi studia e lavora sulle lievitazioni, in pizzeria utilizza una cella di lievitazione a temperatura controllate per proporre una pizza ottimale ai suoi clienti, fondamentali regole della pizza: tempo e temperatura.
Casa Vitiello ha 160 coperti, si trova all’interno di “quattro mura di tufo” del 600, ha sia una parte interna che d’estate amplia l’offerta dei posti a sedere con un giardino estero, la maestria di Ciccio e la professionalità dei suoi collaboratori hanno fatto di questa pizzeria una tra le migliori in Italia, guadagnandosi nel 2017 i due spicchi del Gambero Rosso, tra le altre titoli raggiuti da Ciccio, tra cui Migliore Pizzaiolo Emergente.
Ora non aspetta altro che andare a trovare Ciccio a casa…Vitiello, s’intende!

RICETTA: CONTERRANEA

Mozzarella di Bufala DOP, Pesto di Rucola, Scaglie di Caciocavallo stagionato 8 mesi “Caseificio la Teresina”, Riduzione di vino Casavecchia, Carpaccio di Carne di Bufalo

Ingredienti
 
Semola 1000 gr
Acqua 700 gr - dal 70% all'85%
Sale 25 gr
Lievito di birra 1,5 gr - fino a 3,5 gr
 
 
Ricetta impasto di grano duro:
 
1. Versate nell'impastatrice 1000 g di Semola di Grano Duro per Pizza, 550 g di acqua a temperatura ambiente e lavorate per 5-6 minuti fino a ottenere un impasto compatto e omogeneo  
      
2. Lasciate riposare per circa 2 ore  
 
3. Riprendete l'impasto, incorporando 2-3 g di lievito di birra precedentemente disciolto in 50 g di acqua a temperatura ambiente e impastate per 3 minuti. Aggiungete il sale, altri 100 g di acqua e lavorate per altri 3-4 minuti fino a ottenere un impasto omogeneo ed elastico
 
4. Lasciate riposare in frigo ad una temperatura controllata di 4/6° per 9-10 ore in massa 
 
5. Spezzate in panetti e continuate la lievitazione per altre 10 ore
 
6. Estraete dal frigo 2-3 ore prima della cottura
 
7. Stendere l'impasto
 
8. Infornate per 2 min a 350°
 
 
Casa Vitiello srls
Piazza Nicola Suppa, 4
81100 Tuoro (Caserta)
Pizza.jpg
autore.jpg

di Caterina Orlandi

Marco Bortolon, l’etica e la cucina

Vegano dall’età di 16 anni, Marco Bortolon, chef di origine trevigiana, è tra i più...

La cucina di un ristorante-pizzeria: le soluzioni di Giuseppe Tirloni di Carimati

Carimati è un'azienda di Bergamo attiva nel settore dell'arredamento di design per...

6 proposte di ristorazione innovativa

L’Italia è il paese del buon cibo e come tale ha punte di eccellenza enogastronomica...

L’accurata ricerca delle materie prime

Fino a non molto tempo fa la maggioranza del vasto mondo ristorativo italiano si...

Salvatore Santucci e l’arte della pizza

Salvatore Santucci, conosciuto maestro pizzaiolo e “portatore sano” della pizza di...